4

IL RITORNO DI DINO CAMPANA DAL BELGIO: QUATTRO DOCUMENTI INEDITI

Caroline Mezey

    Bedford College, London

Da: Modern Language Review, Vol. 4, ottobre 1983    

traduzione di Andreina Mancini e Paolo Pianigiani

 

Le circostanze della vita di Campana, i suoi atteggiamenti bohémien, i suoi viaggi in paesi stranieri, la perdita del manoscritto dei Canti Orfici e la tragedia dei suoi ultimi anni hanno teso a focalizzare l'attenzione critica sul poeta come poète maudit. I tentativi dei suoi biografi di stabilire una cronologia certa e dettagliata della sua vita sono stati in gran parte frustrati dalla scarsità della documentazione originale. Molte informazioni sono ovviamente contenute nella trascrizione del Dr. Pariani delle conversazioni con il poeta a Castel Pulci, e ulteriori informazioni sono state fornite da Enrico Falqui, la cui conoscenza di amici e parenti del poeta gli ha fornito una fonte pronta di materiale di "seconda mano".1 La documentazione originale, tuttavia, non è stata pubblicata, e  particolarmente deplorevole è stato il silenzio sul periodo tra la fine degli anni universitari di Campana a Bologna (1907) e la sua iscrizione all'Università di Genova nel 1912.

Il resoconto finora accettato degli anni in questione, 1907-1912, è stato il seguente. Dopo il suo quarto anno all'università (Bologna) nel 1907, Campana fece un breve viaggio a Parigi, ma era tornato a Marradi alla fine dello stesso anno. Nel 1908, fu accompagnato da suo zio Torquato a Genova. Lì si imbarcò per il Sud America (Buenos Aires) dove trascorse i successivi otto mesi. Alla fine del 1908 era tornato in Europa, sbarcando ad Anversa. Non ci sono prove di dove si trovasse nei mesi seguenti, ma è stato generalmente accettato che i sei mesi che Campana ha dichiarato di aver trascorso in una prigione belga e in un ospedale psichiatrico devono essere in questo periodo.2

I biografi concordano generalmente sul fatto che Campana ha trascorso "diciotto giorni ... in una clinica fiorentina" poco dopo il suo ritorno in Italia nell'aprile 1909 (Falqui, p.34), sebbene non siano venute alla luce ulteriori informazioni su tale internamento. Sui tre anni e mezzo seguenti, tuttavia, abbiamo avuto solo le informazioni più vaghe.3 Di recente ho avuto la fortuna di scoprire quattro documenti inediti - trascritti di seguito - nel Municipio di Marradi, e questi gettano una nuova e interessante luce su questo periodo cruciale.

Il primo di questi (a) è un rapporto della polizia dell'8 aprile 1909, emesso a Marradi. Fornisce un resoconto di prima mano degli eventi che quel giorno hanno portato all'arresto di Campana e conferma le storie della sua violenza e aggressività, un tratto che doveva diventare sempre più importante. Anche i termini del suo abuso ("spie, codardi") riflettono quelle delusioni che si sarebbero ripresentate con crescente frequenza nella vita futura.4 Tali dettagli, insieme ai riferimenti al comportamento di Campana ("matto furioso", "segni di pazzia") confermano ciò che già sappiamo, cioè che anche in questa fase iniziale Campana non era un "eccentrico bohémien" - un'opinione che alcuni critici hanno preferito adottare5 - ma un uomo malato. Ciò è rafforzato dal secondo di questi documenti.

Questo è il Rapporto di ammissione medica (b) ("per l'Ammissione dei Mentecatti") all'ospedale di San Salvi a Firenze. È datato 9 aprile 1909 ed è stato dichiarato "irrecuperabile" dal Dr. Pariani (p. 23). È particolarmente importante poiché altri di questi rapporti - quelli di Imola, di Tournai e persino di Castel Pulci - sono stati tutti persi o distrutti.6 A parte il suo significato storico, esso fornisce nuove conoscenze sul suo background familiare e sulla sua malattia: l'abbandono in casa, la possibilità di una malattia mentale ereditaria, l'effetto dannoso dell'alcol. Conferma anche le voci relative al rapporto di Campana con sua madre.7

Il terzo e il quarto di questi documenti sono importanti perché mettono in discussione la cronologia finora accettata dei viaggi di Campana, sono entrambe lettere ufficiali che trattano del rimpatrio di Campana dal Belgio, che fino ad ora si  pensava precedesse gli eventi sopra documentati. La prima lettera (c) è datata 25 marzo 1910. Fu inviata dal Prefetto di Firenze al Sindaco di Marradi e evidentemente segue una richiesta del Belgio per il rimpatrio di Campana. Emerge che le autorità mediche belghe non ritengono che Campana sia in grado di assumersi la responsabilità di se stesso.  Si riferiscono apertamente a lui come "demente" e non sono disposti a rimandarlo a casa senza la certezza che riceva cure continue.

La seconda lettera (d) è datata 22 aprile (l'anno è parzialmente oscurato) ed è stata inviata dal Sindaco di Marradi al Prefetto di Firenze. Sembra essere una risposta a quanto sopra e a un'ulteriore richiesta del 7 aprile. Si riferisce alla riluttanza del padre di Campana a riportare il figlio a casa. Questa riluttanza può apparire strana quando si ricorda che appena quattro anni prima aveva firmato un 'Atto di Responsabilità' per garantire la liberazione anticipata di suo figlio da Imola, ma forse è meno sorprendente alla luce dei successivi eventi sopra descritti e del Rapporto dello psichiatra belga di cui vediamo un frammento in questa lettera.

Questa nuova prova che Campana è stato internato solo un anno più tardi rispetto a quanto si pensava in precedenza invita a una revisione della cronologia accettata finora. La ricostruzione di ciò che Campana aveva detto al Dott. Pariani: "Sbarcai ad Anversa, andai a Parigi e da Parigi venni al mio paese" (p. 42) suggerisce che sarebbe tornato in Europa dal Sud America probabilmente verso la fine del 1908, fermandosi per un breve periodo a Parigi tornando in Italia, e arrivando a Marradi qualche tempo prima dell'8 aprile 1909. Dopo l’arresto e la prigione avrebbe lasciato Marradi di nuovo per il Belgio qualche mese dopo, e sarebbe stato arrestato a Bruxelles. Quindi, all'inizio del 1910, sarebbe stato trasferito all'ospedale psichiatrico di Tournai. Fu lì che ebbe origine la corrispondenza di cui sopra.

Questa interpretazione, tuttavia, lascia diverse domande senza risposta. Campana dice anche: 'Nel viaggio di ritorno in Italia, passando nel Belgio, mi arrestarono e mi tennero nella cella, per due mesi, di una prigione: Saint Gilles .... Poi fui rinchiuso a Tournay" (p. 59). È certamente sorprendente che né il fratello di Campana né lui stesso menzionino mai una seconda visita in Belgio. Inoltre, appare strano che né il Rapporto di polizia né il Rapporto di ammissione medica accennino al viaggio sudamericano di Campana se fosse avvenuto prima del suo arresto e internamento (aprile 1909). Infine, sebbene la valutazione del tempo di Campana non sia sempre accurata,8 i suoi ricordi di ricovero e detenzione seguono chiaramente il suo ritorno dal Sud America. Se i suoi ricordi sono accurati, dobbiamo concludere che il viaggio di Campana in Sud America ebbe luogo dopo la sua liberazione da San Salvi, nell'aprile 1909, cioè un anno dopo rispetto a quanto precedentemente accettato, e che la cronologia degli eventi era la seguente: 8 aprile 1909 arresto a Marradi; 9-26 aprile, internamento nell'ospedale di San Salvi a Firenze. Più tardi quella primavera Campana partì per Genova accompagnato da suo zio Torquato e si imbarcò per Buenos Aires, dove avrebbe trascorso circa otto mesi. Di ritorno in Europa (Anversa) nel gennaio del 1910, fu arrestato e trascorse due mesi in prigione (St.Gilles) prima di essere trasferito all'ospedale psichiatrico Les Marronniers di Tournai. Le autorità belghe inoltrarono quindi la richiesta di rimpatrio per Campana. Questa seconda interpretazione mi sembra la più probabile.

Fornendo ulteriori informazioni su questo periodo della vita di Campana, questi documenti possono aiutare a dissipare qualcosa della "leggenda" che è cresciuta intorno a Campana e contribuire a un approccio più informato all'uomo e al suo lavoro.

CAROLINE MEZEY

BEDFORD COLLEGE, LONDRA

Note

1 C.Pariani. Vita non romanzata di Dino Campana, seconda edizione (Milano, 1978); E. Falqui, Per una cronistoria dei canti Orfici (Firenze, 1960) e ripubblicato in Opere e contributi, I (Firenze, 1973). Tutti i riferimenti alle pagine si riferiscono all'edizione successiva.

2 "Mi tennero nella cella, per due mesi di una prigione: Saint Gilles"; 'Nel Belgio, dopo Imola, al manicomio di Tournay altri quattro mesi' (Pariani, pagg. 59, 46).

3 1910. Pellegrinaggio, a piedi, da Marradi alla Falterona e alla Verna. 1911-1912: Termina le esercitazioni del Quaderno e le accantona. Frequenta le lezioni universitarie del professor Alfredo Galletti, a Bologna. (Falqui, p. 134)

4 Ad esempio, lettera a Emilio Cecchi, 13 marzo 1916. "Posso provare che Papini e Soffici sono ladri spie venduti e vigliacchi soprattutto", Le mie lettere sono fatte per essere bruciate a cura di G.C. Millet.

5 Ad esempio, G. Gerola, "Reazioni da squilibrato? Senza dubbio, qualche grano di quello che si usa chiamare pazzia esiste, ma io penso che si debba parlare di soprattutto di disperazione, di solitudine, di mancanza di affetto e di corrispondenza con gli altri’’, Toscana Qui, Editoriale Qui, Anno I no. 9, settembre 1981.

6 Cito da tre lettere personali: (a) dal dott. Edelweiss Cotti dell'Unità Sanitaria Locale di Imola, 11 novembre 1982: "Sono dispiaciuto di doverle comunicare che non è stato possibile rintracciare la cartella clinica di Dino Campana"; (b) Dal dott. Cnapkens, Primario dell’Ospedale Psichiatrico Statale Les Marronniers, Tournai, 12 gennaio 1982. ’Ho l’onore di informarla che ci è impossibile fornire informazioni su. ...tutti gli anni anteriori al 1940….Infatti l’Ospedale Psichiatrico Statale di Tournai è stata bombardato durante l’invasione tedesca nel maggio 1940, e tutti gli archivi sono stati incendiati; (c) Dal Professor Mario Nistri, Direttore dell'Ospedale Neuropsichiatrico, Firenze. "Purtroppo non posso fornirLe particolari su Dino Campana perché i suoi documenti clinici non sono più agli atti di questo archivio. Tale smarrimento può essere avvenuto in occasione dell'alluvione di Firenze. .... oppure può essere accaduto che il materiale di cui trattasi sia stato preso in esame da studiosi precedenti omettendo poi la restituzione.'

7 R. Jacobbi, Invito alla lettura di Campana (Milano, 1976), p. 19; G. Gerola, Dino Campana (Firenze, 1955), p.9

8 Ricorda di aver trascorso quattro mesi a Imola anziché otto settimane e ricorda cinque anni in Argentina (Pariani, pagg. 46, 42).